Lobster Mania

Come un anno fa spopolarono definitivamente gli shop di Fried Chips in puro stile Fiammingo,in questa primavera vediamo la consolidazione dei ristoranti a tema Lobster.

Iniziando con Ted , il primo Lobster and Burgers in Italia,che  porta un po’ di New York a Roma: dall’arredamento al Menu di ispirazione internazionale, con tre protagonisti assoluti: astice, design e cocktail Bar.

Ted ha aperto Nel Settembre 2015 e vanta un locale di 250 m2 nel cuore di Prati (Precisamente a Via Terenzio 14) con 100 posti da sedere, suddivisi tra zona bar e ristorante.

l locale è aperto dalle ore 12.00  alle 2.00 di notte, per consumare un pranzo veloce, un aperitivo, uno spuntino o una cena, a qualunque ora vogliate.

In questi giorni invece vediamo la nuova apertura di The Fisherman Burger

Ci troviamo in Piazza Pasquale Paoli,a due passi dalla Basilica di San Pietro ed ha aperto i battenti il 17 Febbraio 2016.

I fantastici arredi in stile Marinaro e la Pescheria dove quotidianamente arriva pesce fresco con la facoltà di scegliere se portarlo a casa o farselo cucinare nella cucina a vista al momento ,fanno di questo posto una novità assoluta.

La sceltà nel menù è veramente vasta : si spazia dai famosissimi Fish Burger a tartare,wrap di Mare ed insalate di pesce.

Dimenticavo!Cè la possibilità di fare un apertivo al Sea Bar all’ingresso del locale,per spezzare la giornata o più semplicemente in attesa della cena vera e propria.

Ed infine Meat & Lobster.

Meat & Lobster è il nuovo ristorante di San Lorenzo (Via dei Sabelli, 167 b/c)
Qui ci troviamo in un posto un po’ meno modaiolo,per una scelta più economica ma allo stesso tempo più chic.


Qui il menù per farvi un idea

 

 

Che il Lobster Roll sia con voi 😉

 

 

Annunci

Favola o Realtà?

Quante volte ci siamo chiesti, di fronte ad uno scenario della Disney, se quel luogo magico esiste veramente… Ecco 10 location fonte di ispirazione per i registi e produttori della Disney.

1.Il paese in cui abita Belle in “La bella e la bestia” si trova in Francia.

paeselabellaelabestia1

2.Il regno di Corinna di “Rapunzel” si trova a Saint-Michel, in Francia

castello-rapunzel-disney

3. Il palazzo del sultano che si vede in “Aladdin” , ha una struttura che rispecchia quella del Taj Mahal, in India.

palazzoaladdin1

4. L’allegro villaggio di Pacha nel cartone “Le follie dell’imperatore” è ispirato al Machu Picchu, in Perù.

villaggio-follie-imperatore-disney

5. Il fantastico mondo delle macchine  del cartone animato “Cars” è ispirato all’U-Drop Inn di Shamrock, Texas.

luoghi-cars-disney

6. La cattedrale di Notre Dame a Parigi è stata ridisegnata per il film d’animazione “Il Gobbo di Notre Dame“.

cattedralegobbodinotredame1

7.  È la città Proibita di Pechino della Cina il palazzo che si vede in “Mulan“.

palazzomulan1

8. La maestosa città di Atlantide riprodotta nel cartone “Atlantis – L’impero perduto” ha una location specifica di ispirazione: il tempio di Angkor Wat, in Cambogia.

atlantide1

9. Il castello scozzese di Eilean Donan è simile a quello proposto nel cartone animato “Ribelle – The Brave”.

castello-the-brave-disney

10. Non trovate che il castello della “Sirenetta” assomigli a quello che si trova a Chateau de Chillon  in Svizzera?

castellosirenetta1

Fonte :CartoniAllaRomana

Quattro mostre per Dicembre 2015

Qui di seguito una selezione per le mostre di metà dicembre a Roma per il periodo che va dal 10 al 23 dicembre 2015

 

La mostra Quando Roma parlava francese – Feste e monumenti della Prima Repubblica Romana
Dove Museo Napoleonico
Quando 11 dicembre 2015 – 13 marzo 2016
Il Museo Napoleonico prosegue la politica di valorizzazione del materiale conservato nei depositi, normalmente non fruibile dal pubblico dei visitatori.
L’esposizione è parte di un più ampio progetto dedicato agli anni di influenza francese sulla Città Eterna (1798-99, 1809-14).
Si tratta di una collezione unica nel panorama collezionistico pubblico o privato, in cui la grande quantità di materiale preparatorio contenuto offre l’occasione straordinaria di assistere ad una sorta di visita virtuale nella bottega dell’incisore, seguendo il processo ideativo di alcune opere dal disegno preliminare alle successive prove d’autore fino alla stampa definitiva.

 

La mostra Delta ti – tempo reale
Dove Museo Carlo Bilotti
Quando 17 dicembre 2015 – 17 gennaio 2016
Ci piace perché Il percorso della mostra è scandito dalle opere di 18 artisti contemporanei di diverse generazioni, provenienze e poetiche: scultura, fotografia, video, installazioni, performance e interventi sonori, danno forma ad un’ indagine estetica e critica tra arte e vita.
Il nome dell’esposizione si riferisce alla formula che nel linguaggio della fisica esprime il concetto di intervallo di tempo, inteso come variazione da un momento iniziale ad uno finale, vera e propria manifestazione di un processo di trasformazione.
Nella società contemporanea la realtà cambia così rapidamente che ogni intervallo di tempo risulta aperto e fluido; tutto si concentra in un unico momento, un intervallo sospeso, il tempo reale.

 

 

La mostra Affinità elettive. Da De Chirico a Burri
Dove Galleria d’Arte Moderna
Quando 17 dicembre 2015 – 13 marzo 2016
La mostra nasce dalla volontà di accostare, sulla base di pure consonanze e suggestioni formali, di temi ed ambiti figurativi, alcuni capolavori della collezione parmense della Fondazione Magnani Rocca a quelli della collezione capitolina della Galleria d’Arte Moderna.

 

 

La mostra Renzo Arbore – La mostra
Dove MACRO La Pelanda
Quando 19 dicembre 2015 – 3 aprile 2016
Nel 2015 ricorre il trentennale di Quelli della notte, una delle “invenzioni” di Renzo Arbore che hanno più inciso nella storia della cultura e dell’intrattenimento.
Per l’occasione una grande mostra viene dedicata a Renzo Arbore, ai 50 anni della sua straordinaria carriera, alle sue trasmissioni televisive e radiofoniche che hanno così fortemente caratterizzato la storia della televisione del nostro paese, alle sue amicizie e alle sue scoperte, ai suoi percorsi musicali e ai concerti dell’Orchestra Italiana, alla sua incredibile collezione di oggetti e memorabilia, ma anche ai suoi amici, ai suoi viaggi, al sostegno non episodico alla Lega del Filo d’Oro e alla sua sensibilità verso i più sfortunati.

 

 

La mostra Animaux Sauvages – Animali selvaggi visti da Schili
Dove Museo Civico di Zoologia
Quando 18 dicembre 2015 – 14 marzo 2016
Il grande interesse per la natura, l’ecologia, i problemi ambientali, l’affascinante influenza ricevuta da frequenti viaggi naturalistici in Africa equatoriale e in Asia hanno portato Schili (alias Salvatore Schilirò) ad elaborare variegati microcosmi iconografici.
Da un orizzonte costituito da idoli fantastici, totem primitivi, maschere tribali, influenzato dall’arte del Congo e del Mali, Schili è giunto a rappresentare con sempre maggiore assiduità e passione un mondo abitato da animali selvaggi, in parte con occhio naturalistico, in parte con uno sguardo simbolico- idealizzante.

 

Animaux sauvages: l'amore per la natura in mostra al Museo civico di Zoologia di Roma

Polenta take away a Roma! PolentOne

Marco Pirovano,imprenditore bergamasco che si è inventato la polenta d’asporto ha finalmente portato a Roma la sua polenta Take Away.

Il primo take away di polenta in Italia sbarca quindi nella Capitale , una polenteria da asporto con la polenta (la classica gialla e la taragna) in tutte le sue più succulente variazioni: con il ragù di cinghiale, alla boscaiola, alla contadina, con i formaggi, alla griglia, abbrustolita, a spiedino con i salumi. E per gli amanti del dolce, c’è quella con la Nutella.

Marco Pirovano aveva anche partecipato alla trasmissione Shark Tank, dove aveva accolto numerosi proseliti intenzionati ad investire nella sua geniale idea.

 

Attualmente Pirovano ha in franchising sette punti vendita della catena PolentOne: in Città Alta e a Brescia, due a Milano e poi a Trieste, Ballabio (Lecco) e Seregno. Con una novità sull’estero: «In programma l’apertura a Barcellona: se tutto va bene avviamo l’attività in spagna a fine mese – annuncia -. Su Mosca siamo invece in stand-by a causa della situazione geo-politica che ha rallentato i consumi».

Il prezzo è tra i 5 ed i 7 euro (a seconda della porzione) ed il sapore eccelso.

Questo week end….come si dice a Roma …. JE TOCCA!

 

Mercatini di Natale a Bath

Ogni anno, la bellissima zona tra la Bath Abbey e le Terme romane, si trasforma in paradiso dello shopping di Natale grazie al Mercatino di Natale di Bath.

Nel cuore del principale quartiere dello shopping di Bath, 129 chalet tradizionali in legno adornano le strade, ogni stand con un’offerta unica, regali fatti a mano e insoliti, decorazioni e prodotti alimentari.

Grazie al suo mercatino di Natale, la città di Bath, già Patrimonio Mondiale dell’UNESCO sta rapidamente diventando nota come ‘la Città di Natale’. 

Il Mercatino di Natale di Bath, è organizzato e promosso dal Bath Tourism Plus (BTP),  la official destination marketing organisation per Bath e dintorni.

Come Arrivare

Aereo:

Bath è servito dall’Aeroporto di Bristol a circa 30 km.
Da Bristol è possibile prendere un taxi o un pulman

 

Roma Maker Faire – 16/18 Ottobre

Dal 16 al 18 Ottobre arriva a Roma Maker Faire,la fiera dell’innovazione più grande al mondo che ospiterà oltre 600 invenzioni da 65 nazioni e si svolgerà all’interno della città universitaria La Sapienza.

Maker Faire ha vantato 131 eventi nel solo 2014, ed ha raggiunto oltre 1.5 milioni di visitatori complessivamente, sin dal suo lancio a San Mateo, in California nel 2006, neanche un anno dopo la pubblicazione del primo numero di “Make: Magazine“, la rivista di riferimento per tutti i #makers, nel 2005.

La 9° edizione della Maker Faire Bay Area ha accolto oltre 110 makers ed oltre 130.000 visitatori .World Maker Faire New York, l’altro evento chiave, è cresciuto in quattro anni fino ad ospitare oltre 600 maker e ad accogliere oltre 75,000 visitatori.

Detroit, Kansas City, Atlanta, Milwaukee, Orlando, Rome, Paris, Hannover, Berlin, Trondheim, Oslo, Newcastle (UK), Tokyo Singapore, Taipei, e Shenzhen ospitano altri gli altri eventi di alto profilo, mentre oltre 120 Mini Maker Faire – eventi indipendenti – sono curate da community locali in tutto il mondo, e ispirano e motivano ad innovare le comunità che aggregano intorno a se’.

MAKER FAIRE ROME – The European Edition

Maker Faire Rome è l’edizione europea di Maker Faire. Con oltre 600 invenzioni in mostra nel 2014 e 90 mila visitatori, la Maker Faire Rome è la più grande esposizione al mondo dopo le americane “Area Bay” e “New York”. Quest’anno, dopo il successo delle edizioni 2013 e 2014, sono attese centinaia di invenzioni e attrazioni da 65 nazioni. In programma: live performance, panel, workshop, seminari, conferenze e molte sorprese soprattutto per i più  piccini ai quali sarà riservata una speciale Area Kids ancora più grande e ricca di attività rispetto alle precedenti edizioni.

Maker Faire Rome – The European Edition è organizzata da Asset Camera,  Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma la cui la mission è mettere la città di Roma al centro del dibattito sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale e lo sviluppo dell’imprenditorialità individuale e collettiva, propria del DNA del movimento dei Makers.

È una fiera che unisce scienza, fantascienza, tecnologia divertimento e business e dà vita a qualcosa di completamente nuovo. Maker Faire è una manifestazione nata per soddisfare un pubblico di curiosi di tutte le età che vuole conoscere da vicino e sperimentare le invenzioni create dai makers, invenzioni che nascono dalla voglia di risolvere piccoli e grandi problemi della vita di tutti i giorni.

Maker Faire è un evento pensato per accendere i riflettori su centinaia di progetti provenienti da tutto il mondo in grado di catapultare i visitatori nel futuro.

Non solo una fiera per addetti ai lavori. Alla  Maker Faire, infatti, si possono trovare invenzioni in campo scientifico e tecnologico (dalle stampanti 3D ai wearables, passando per droni, robot e il digital manifacturing) ma anche nuove forme di arte, spettacolo, artigianato, sperimentazioni sul cibo e attrazioni mai viste prima.

Le parole d’ordine della Maker Faire sono: incontro, confronto, formazione, divertimento e interazione.
Il pubblico può sperimentare e provare a giocare con queste nuove invenzioni e l’innovazione diventa alla portata di tutti attraverso percorsi esperienziali in cui i visitatori sono parte integrante della fiera stessa.

È un evento per famiglie in cui sia i bambini che gli adulti vengono coinvolti in centinaia di divertenti attività educative e dimostrative. Un modo per imparare a costruire il proprio smartphone, i propri giocattoli, “stampare in 3d” scarpe, gioielli, borse e perfino ravioli commestibili o anche scoprire come rendere domotica la propria casa con pochi e semplici accorgimenti.

Sono attesi oltre 600 espositori maker insieme a PMI innovative, scuole e  Fab Labs che presenteranno progetti nei seguenti settori:

  • 3D printing
  • 3D scanning
  • Arduino
  • Art
  • Artisans & New Craft
  • Biology
  • Cultural Heritage
  • Drones
  • Education
  • Energy & Sustainability
  • Fabrication
  • Fashion & Wearables
  • Food & Agriculture
  • Games
  • Hacks
  • Home Automation
  • Internet of Things
  • Kids & Education
  • Music & Sound
  • Open Source
  • Recycling  & Upcycling
  • Robotics
  • Science
  • Steam Punk
  • Wellness & Healthcare

Inoltre:

  • Educational
  • Workshops
  • Hackathon
  • Live Talk
  • Attrazioni Spettacolari

Confermata per l’edizione 2015 una speciale Area espositiva dedicata ai progetti dei ragazzi degli Istituti Tecnici e Professionali provenienti da tutta Italia.

I numeri di Maker Faire Rome 2014

La seconda edizione  di Maker Faire Rome (2014) si è conclusa con l’eco di 90.000 persone che hanno guardato e toccato con mano più di 600 invenzioni.

Ben 360 i workshop realizzati per i più piccoli in un’area di 2000mq, popolata da 15.000 kids.

Nel 2014 alla Call4Makers sono arrivati progetti, talk e workshop da 33 nazioni: Italia, Francia, Portogallo, Regno Unito, Germania, India, Belgio, Giappone, Cina, Svizzera, Svezia, Paesi Bassi, Canada, Taiwan, Colombia, Stati Uniti, Irlanda, Spagna, Serbia, Brasile, Bielorussia, Danimarca, Croazia, Polonia, Egitto, Messico, Singapore, Turchia, Marocco, Guatemala, Repubblica Ceca, Australia e Grecia.

Credits: Antonio Amendola/Shoot4Change

Ecco il programma dell’edizione di quest’anno :

Educational day

Venerdì 16 ottobre

Mattina 9.00/13.00Educational Day
Ingresso in fiera gratuito riservato esclusivamente alle scuole (solo su prenotazione)
Per prenotazioni: vai al  Modulo di prenotazione
Per info:  scuole@makerfairerome.eu

Venerdì 16 ottobre

Pomeriggio 14.00/19.00 – Maker Faire Rome.
Acquista i biglietti

Sabato 17 ottobre

h. 10.00/19.00 – Maker Faire Rome
Acquista i biglietti

Domenica 18 ottobre

h. 10.00/19.00 – Maker Faire Rome
Acquista i biglietti

Maker Faire sarà preceduta da importanti eventi

The big hack – Internet of Things

Nel week end dal 9 all’11 Ottobre si terrà THE BIG HACK, una grande maratona di programmazione nella quale i partecipanti sono chiamati a sviluppare applicazioni e progetti su 3 aree quali sicurezza sul lavoro, mobilità e open data.

http://thebighack.makerfairerome.eu/

Qui invece troverete gli espositori 2015.

Che ne dite? 😉

Covent Garden – Londra – Heartbeat

Fino al 27 Settembre (rimangono pochi giorni!), se vi capita di passare per la city,a Covent Garden potrete ammirare la fantastica installazione dell’artista Francese Charles Pétillon (questa è la sua prima installazione pubblica e la sua prima installazione fuori dalla Francia!).Di cosa si tratta?100,000 palloncini bianchi all’interno del “Vecchio mercato del 19esimo secolo”che ci faranno tornare alla nostra infanzia,childhood a Londra ❤

Non perdetevi questa esperienza emozionante che tanto collima con il fascino di questa zona.

Charles Pétillon in Covent Garden

L’artista :

Weaving its way through the South Hall of the Grade II listed Market Building, Heartbeat stretches 54 metres in length and 12 metres in width, and incorporates gentle pulsating white light to symbolise the beating of a heart and reflect the history, energy and dynamism of the district.

Charles Pétillon said: “The balloon invasions I create are metaphors. Their goal is to change the way in which we see the things we live alongside each day without really noticing them. With Heartbeat I wanted to represent the Market Building as the beating heart of this area – connecting its past with the present day to allow visitors to re-examine its role at the heart of London’s life.

“Each balloon has its own dimensions and yet is part of a giant but fragile composition that creates a floating cloud above the energy of the market below. This fragility is represented by contrasting materials and also the whiteness of the balloons that move and pulse appearing as alive and vibrant as the area itself.”

A pop-up gallery on the Piazza at Unit 5, Royal Opera House Arcade, will showcase Charles’ series of Invasions photographs as well as some of his other work.

The complex yet fragile composition represents Charles’ largest and most ambitious project to date and will run from 27th August until 27th September. 

Charles is best known for Invasions, a series of arresting sculptures which challenge perceptions of everyday scenes by filling the likes of derelict houses, basketball courts and even cars with hundreds of white balloons.