MMDCCLXIX Dies Natalis – 2769° Natale

MMDCCLXIX Dies Natalis – 2769° Natale di Roma21 – 24 aprile 2016Programma manifestazione a cura del Gruppo Storico Romano(tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito) Giovedì 21 Aprile 

NASCE ROMA
h. 9-16 Circo Massimo: Inaugurazione del Castrum e apertura dei banchi didattici – incontri con le scuole di Roma;

11-14 Campidoglio: convegno culturale presso la sala del Carroccio: 

“Roma oltre l’Oceano: Claudio, la conquista della Britannia e la Fondazione di Londra.”

14 -15 Circo Massimo: history talkpresso lo spazio-cultura

INCONTRO CON EMMA POMILIO, scrittrice (Il Ribelle, la Notte di Roma, Dominus, Il Sangue dei Fratelli, la Vespa nell’Ambra)

                        Introduce Dr. Michele Forgione (Gazebi Convegni);h.15 Circo Massimo: rappresentazione spettacolare del Tracciato del solco, ricostruzione storica della fondazione della città di Roma  2769 anni or sono;

h.16 Circo Massimo: rappresentazione spettacolare della Festa della Palilia, ricostruzione storica della cerimonia religiosa atta a purificare le greggi e i pastori che si teneva nelle ricorrenze del natale di Roma;

17 Circo Massimo: evento equestre I cavalli e Roma, racconto con cavalli che mette in luce il significativo rapporto tra la città e i cavalli sin dalla Roma antica attraverso la rappresentazione spettacolare di alcune tappe significative (a cura dell’Associazione culturale Carnevale Romano – Accademia del Teatro equestre  con il contributo del “Museo delle carrozze d’epoca”);


per tutta la giornata sarà realizzata presso il punto cultura del Circo Massimo una mostra fotografica di tutte le edizioni del Natale di Roma a cura dell’associazione “Fotografiamo”

 

Venerdi 22 aprile

9-16 Circo Massimo: banchi didattici e incontri con le scuole di Roma presso il Castrum;

12 -14 Circo Massimo: history talkpresso lo spazio-cultura;

INCONTRO CON ANDREA MONTESANTI E CLAUDIO VALENTE autori    del romanzo “Quelle Capanne Chiamate RomaINTERVISTA DI MARIANO MALAVOLTA Introduce Andrea Buccolini (Gazebi Convegni)

h.14-16 Circo Massimo: Ludi gladiatori con i bambini di Roma, presso il castrum;

 

per tutta la giornata sarà realizzata presso il punto cultura del Circo Massimo una mostra fotografica di tutte le edizioni del Natale di Roma a cura dell’associazione “Fotografiamo”

 


Sabato 23 aprile

9-16 Circo Massimo: banchi didattici e incontri con le scuole di Roma presso il Castrum;

12 -14 Circo Massimo: history talkpresso lo spazio-cultura;

h.14-16 Circo Massimo: Ludi gladiatori con i bambini di Roma, presso il castrum;

 

per tutta la giornata sarà realizzata presso il punto cultura del Circo Massimo una mostra fotografica di tutte le edizioni del Natale di Roma a cura dell’associazione “Fotografiamo”

 


Domenica 24 aprile

10-11 Circo Massimo: rappresentazione spettacolare del Commissio feriarum, suggestiva ricostruzione storica della cerimonia rituale di accensione del fuoco;

11-13 Circo Massimo-Via dei Cerchi-Via Luigi Petroselli-Via del Teatro di Marcello-Piazza Venezia-Via dei Fori Imperiali- Piazza del Colosseo-Via San Gregorio: il più imponente Corteo storicodella romanità, 2000 rievocatoti giunti a Roma da ogni parte d’Italia e d’Europa per celebrare il 2769° Natale di Roma che prenderà via dal Circo Massimo per sfilare davanti al Teatro di Marcello, il Campidoglio, Piazza Venezia e Via dei Fori Imperiale e giungere quindi al Colosseo prima di far ritorno al Circo Massimo

h.14-17 Circo Massimo: rappresentazioni spettacolari e  ricostruzioni storichead opera dei gruppi di rievocatori intervenuti alla sfilata;

h.17 Circo Massimo: Gran finale, la ricostruzione della battaglia per la conquista della Britannia con oltre 300 rievocatori che si affronteranno in una battaglia simulata nella rievocazione della storica impresa condotta dall’Imperatore Claudio che portò alla conquista della Britannia nel 43/44 d.C.


per tutta la giornata sarà realizzata presso il punto cultura del Circo Massimo una mostra fotografica di tutte le edizioni del Natale di Roma a cura dell’associazione “Fotografiamo”

natale_di_roma_2014 

Annunci

Le piazze più belle del Mondo

Tra le piazze più belle del mondo ce ne sono parecchie Italiane,ovviamente oserei dire.Troviamo :

Italia, Ascoli Piceno, Piazza del Popolo

Cominciamo con la piazza di Ascoli Piceno, un gioiello che non tutti conoscono, una perla preziosa. Pavimentata interamente con lastre di travertino, la piazza vi stupirà per la sua luminosità e la sua raffinatezza, che nasce da un ricercato intreccio di portici e logge, palazzi rinascimentali, edifici storici e chiese dai tratti gotici ed eleganti: sedetevi al Caffè Meletti e degustate l’Anisetta, magari a pancia piena dopo esservi rimpinzati di olive ascolane. Qui vi riconcilierete col mondo e sorriderete alla tranquillità della vita che scorre, tra bimbi che giocano e bici che solcano la piazza. L’atmosfera è da sogno. 

Italia, Roma, Piazza di Spagna
Roma di piazze spettacolari ne ha certamente più d’una. Abbiamo scelto per voi Piazza di Spagna perché, ne siamo certi, vi lascerà senza fiato: ammirate la celebre fontana barocca del Bernini, la Barcaccia, tornata alla ribalta delle cronache recenti, e se siete appassionati di poesia fate sosta nella casa del poeta inglese John Keats, ora trasformata in un museo. Non andate via senza essere saliti in cima all’elegante scalinata di Trinità dei Monti: ora spalancate gli occhi e i polmoni e respirate bellezza. Se ci andate in primavera troverete la scalinata piena di fiori che colorano l’atmosfera e la solleticano coi loro profumi. 
Italia, Venezia, Piazza San Marco
Il fascino intramontabile di Piazza San Marco intriga ogni viaggiatore: crocevia di popoli diversi, culla di interi secoli di arte e storia, questo è uno di quei posti che si fissa nel cuore e nella memoria. La Basilica di San Marco, altera e maestosa, cattura l’attenzione, ma gli occhi attingeranno meraviglie ovunque, dalla Torre dell’Orologio alle Procuratie Vecchie e Nuove, dall’Ala Napoleonica fino al Campanile. Sfruttate il volo dei piccioni per un tocco di romanticismo nelle vostro foto e se trovate l’acqua alta nessun problema, basta un paio di stivali e il gioco è fatto. Napoleone la definì “il salotto d’Europa”.
Italia, Napoli, Piazza del Plebiscito
Napoli intera è un patrimonio inestimabile di ricchezze e Piazza del Plebiscito, nella sua monumentale grandezza, vi conquisterà. Girate su voi stessi e ammirate il Palazzo Reale, il Palazzo Salerno, il Palazzo della Prefettura e la Basilica di San Francesco di Paola, con il suo coreografico portico a emiciclo. Se ci andate all’imbrunire, poi, lasciatevi conquistare dai giochi di luce del sole che scende che si mescolano con la luce artificiale e, per concludere, concedetevi un sogno ad occhi aperti davanti allo scorcio del Vesuvio, visibile dalla piazza. 
Italia, Siena, Piazza del Campo
Si caratterizza per la sua forma a conchiglia, Piazza del Campo, e stupisce chiunque vi si trovi per il bellissimo effetto che provoca nel turista: vi sembrerà di essere al centro del mondo. Intorno a voi, il Palazzo Comunale, in mattone e marmo, bellissimo e nobile; la Torre del Mangia, tra le più alte torri antiche d’Italia; la Cappella di Piazza, che è uno scenografico tabernacolo marmoreo ai piedi della torre, e la Fonte Gaia, prima fonte pubblica cittadina. Arte, storia e bellezza si intersecano e ne resterete ammaliati. È qui, inoltre, che si svolge lo storico Palio di Siena.
Repubblica Ceca, Praga, Piazza della Città Vecchia
Staromestské Namesti, Piazza della Città Vecchia, è il centro del quartiere Staré Mesto, la Città Vecchia, appunto, e gode di un fascino tutto particolare, con la sua aura romantica e seducente. Le belle decorazioni delle case romaniche e gotiche e la Casa alla Campana di pietra, in stile rococò ne fanno un luogo suggestivo come pochi altri al mondo. Sulla piazza si affacciano la Chiesa di San Nicola e quella di Santa Maria di Týn, il Palazzo Kinský e il Municipio della Città Vecchia, con il suo famoso orologio astronomico che tiene i turisti col naso all’insù nell’attesa dello spettacolo che si svolge allo scoccare di ogni ora. 
 
Cuba, La Habana, Plaza de la Revolución 
C’è un posto da visitare al più presto, prima che inevitabilmente gli eventi storici lo cambino. Quel posto è Cuba. E La Habana, di conseguenza. Una volta qui non potrete prescindere da Plaza de la Revolución, che colpisce per la sua vastità e che riporta alla mente la grande Storia, rievocando i tempi della Rivoluzione cubana e delle grandi folle che l’hanno riempita. Ammirate il memorial a José Martí e, di fronte, il Ministero degli Interni con la famosa immagine del Che realizzata da Enrique Ávila. Autentica e coinvolgente, questa è una terra che vi resterà nel cuore. Cuba è un tesoro, è un ritmo che travolge, è vita che scorre.
Belgio, Bruxelles, Grand-Place
Nucleo centrale della città, la Grand Place è d’estate un’incantevole cornice per concerti, rappresentazioni ed eventi vari, mentre in inverno, specie durante il periodo natalizio, diventa uno scenario quasi da favola grazie ai tipici mercatini, pieni di vita, luci, colori e…cioccolato! La fusione dei diversi stili architettonici tipici del nord Europa, ben visibile negli edifici che la circondano, come il Municipio, la Maison du Roi e le case delle Corporazioni, la rende una perla di rara bellezza, di un’eleganza indiscussa che unisce antico e moderno. 
Russia, Mosca, Piazza Rossa
Adiacente al Cremlino, questa è la piazza principale di Mosca: con una superficie di oltre 70.000 metri quadrati, deve il suo nome ad un aggettivo in lingua russa che significa sia “rossa” sia, in passato, “bella”. Sulla piazza sorge la splendida cattedrale di San Basilio, con le sue cupole luminose; il monumento agli eroi nazionali Kuz’ma Minin e Dmitrij Požarskij, che cacciarono da Mosca gli invasori polacchi; il mausoleo di Lenin e il Gum. Una piazza che affascina, tutta da scoprire. 
Argentina, Buenos Aires, Plaza de Mayo
Centro della vita politica di Buenos Aires, Plaza de Mayo ospita alcuni degli edifici più importanti della città, dalla Casa Rosada, sede del governo, fino al municipio di Buenos Aires, la Cattedrale Metropolitana di Buenos Aires e la Banca d’Argentina. Con questo nome si ricorda la rivoluzione di maggio del 1810 che diede inizio al processo d’indipendenza dalla Spagna, avvenuta poi nel 1816. Una piazza dai mille volti, un’architettura affascinante e un’atmosfera davvero unica al mondo.
Francia, Parigi, Place de la Concorde
L’obelisco egizio di Luxor, in granito rosso, domina Place de la Concorde, piazza più grande di Parigi e centro nevralgico della città: una volta qui, infatti, potrete decidere se spingervi verso gli Champs-Elysées o fare sosta ai magnifici giardini delle Tuileries, se scegliere di fare una passeggiata lungo la Senna o di entrare nella chiesa della Madeleine. Avrete l’impressione di avere il mondo in una mano. Sulla piazza, signorile ed elegante, statue e fontane si susseguono maestose, per un’atmosfera aristocratica e…francese. 
Inghilterra, Londra, Trafalgar Square
Costruita per ricordare la vittoria dell’Inghilterra nella battaglia di Trafalgar grazie all’ammiraglio Nelson, questa è una piazza importante per la città, nonché sede di molte ambasciate. La Nelson’s Column, con i quattro leoni di bronzo alla base, svetta sulle belle fontane e sugli edifici della piazza, tra cui spicca la National Gallery, maestosa e piena di tesori. Giovane, dinamica e spettacolare, Trafalgar Square è una tappa obbligatoria nel vostro soggiorno londinese. 
Marocco, Marrakech, Jamaa el Fna
Dichiarata Patrimonio Orale e Immateriale dell’Umanità, questa piazza marocchina è davvero un posto speciale, magico: c’è da rimanere stregati a guardare gli incantatori di serpenti o ad ascoltare i cantastorie, che vi faranno volare in alto con la fantasia. Cuore della città rossa, Jamaa el Fna vi regalerà emozioni che difficilmente ritroverete altrove: perdetevi, nel vero senso della parola, nelle viuzze strette dei souk, tra gioielli berberi e borse di pelle, e poi godetevi lo spettacolo del sole che tramonta da una delle terrazze dei numerosi caffè della piazza, magari sorseggiando un tè alla menta. 
Cina, Pechino, Piazza Tienanmen
La Tienanmen, da cui la piazza prende il nome, è il monumento che conduce alla Città Proibita, e cioè il palazzo imperiale delle dinastie Ming e Qing. Questo posto deve la sua fama in particolare alle proteste del 1989 e oggi è una delle piazze più ricche di personalità e carattere, dal notevole impatto visivo. Sulla piazza potrete ammirare il monumento agli eroi del popolo, la Grande Sala del Popolo, il Museo nazionale di storia cinese e il mausoleo di Mao Tse-tung. E ricordatevi, siete nel posto giusto se cercate un posto da guinness dei primati: questa è la piazza pubblica più grande del mondo!
Polonia, Cracovia, Piazza del Mercato
Vivace centro culturale e artistico, Cracovia è una città a dir poco meravigliosa, con un centro storico che fin dal 1978 è stato dichiarato, per intero, Patrimonio dell’Umanità Unesco. Ne fa parte anche la bellissima Piazza del Mercato, con il suo Sukiennice, lo storico Mercato dei Tessuti di Cracovia, che colora questo spazio e lo riempie di suoni e bancarelle di souvenirs e gioielli. Entrate nella Basilica di Santa Maria, che sorge sulla piazza e che vanta uno dei più antichi altari medioevali d’Europa, e poi godetevi la vita della piazza, piena di musicisti, artisti di strada e turisti che arrivano da ogni parte del mondo. 
Russia, San Pietroburgo, Palace Square
Passeggiare nel bel mezzo della Piazza del Palazzo, con al centro la Colonna di Alessandro, dedicata allo zar Alessandro I, costruita per commemorare la sua vittoria contro Napoleone, è come fare un salto indietro nel tempo: l’Ermitage, il Palazzo dello Stato Maggiore, la Prospettiva Nevskij e il complesso dell’Ammiragliato fanno di questo luogo uno dei più affascinanti al mondo, sicuramente uno dei più magnificenti e più carico di storia. 
Iran, Isfahan, Piazza dell’Imam
La Moschea dello Scià con le sue stupende decorazioni; il palazzo Ali Qapu, costruito all’inizio del XVII secolo come residenza degli Scià di Persia; la Moschea Sheikh Lotfallah e l’antico enorme Bazaar di Esfahan  creano un’atmosfera unica, incantata, per una delle piazze più grandi del mondo dichiarata dall’UNESCO Patrimonio dell’umanità nel 1979. 
Germania, Monaco di Baviera, Marienplatz
Sorseggiate una delle ottime birre tedesche nel pieno centro di Monaco e regalatevi la visuale su questa piazza splendida, dominata dall’imponente edificio in stile neogotico, il Neue Rathaus, il Nuovo Municipio e dalla torre che ospita il celebre Glockenspiel, il più grande carillon della Germania che per tre volte al giorno rievoca due grandi eventi della storia della città. 
Messico, Città del Messico, Plaza de la Constitucion
Plaza de la Constitución, meglio conosciuta come El Zócalo, nasce esattamente sopra ai resti di Tenochtitlan, capitale dell’impero Azteca, ed è il cuore pulsante di questa metropoli caliente e vivace: il Templo Mayor, il Palacio Nacional, la Cattedrale metropolitana della città e il tricolore messicano che sventola esprimono perfettamente l’essenza di questa terra incredibile. Artisti, danzatori in costume, lustrascarpe: la piazza pullula di vita.  
Spagna, Madrid, Plaza Mayor
Popolata di giorno e di notte, regale e maestosa, Plaza Mayor, con la sua pianta rettangolare completamente chiusa da edifici a tre piani, è accessibile attraverso nove porte, tra cui il famoso Arco de Cuchilleros. Al centro, la statura equestre di Felipe III; sotto i portici, bar e ristoranti per assaporare l’ottima cucina spagnola.
Siete daccordo?
Beh non basterebbero “100 posizioni” per stilare la mia di classifica…

Roma – Arriva la prima Bibliocabina…scommesse sulla durata?

Tutto pronto nella Capitale per l’inaugurazione della BiblioCabina. L’11 ottobre presso il parco Montanelli di Torresina partirà l’iniziativa con lo scopo di pubblicizzare il BookCrossing.

Il BookCrossing è un modo per incoraggiare la condivisione del sapere attraverso lo scambio continuo di libri. I libri stessi vengono laciati a disposizione di coloro che li vogliono leggere, una volta ultimata la letura vengono restituiti per i nuovi lettori.

Per partecipare al BookCrossing basta iscriversi al sito (Bookcrossing.com), registrare il libro per ottenere un BCID, cioè un codice identificativo che ci permette di seguire il volume durante i suoi spostamenti. Chi ritrova il libro è invece invitato a segnalare il ritrovamento sul sito e a rilasciarlo, dopo la sua lettura, per offrire la sua stessa opportunità ad altre persone.

La biblio cabina seguirà un andamento analogo. Per evitare furti o che i libri vengano rimessi in vendita saranno tutti timbrati e messi a disposizione di coloro che vorranno leggerli, proprio come una qualunque biblioteca.

A Roma l’iniziativa è nata dal comitato di quartiere Torresina insieme alle associazioni H2, Scaffali e Alberoandronico, con il sostegno di Telecom Italia che in questo modo darà nuova vita alle cabine telefoniche in disuso.