Ginger

Pranzo da Ginger!Posto carinissimo in stile shabby chic in via di borgognona!

Questo il sito : http://www.ginger.roma.it/

Queste le mie foto!

Posto carinissimo,cibo particolare & healthy.I prezzi non sono bassissimi ma da via borgognona non mi aspettavo diversamente.

Consigliato!

 

 

ME-DIABETE

Hey there 🙂

Avevo già tentato di iniziare una rubrica ABOUT ME ma ho poi per sbaglio cancellato il post -__-

Vabbè cmq non ho intenzione di cominciare a scrivere le mie stronzate ed intendo continuare il blog per quello che era inizialmente però avevo PIACERE di parlarvi della mia MALATTIA.

Io sono diabetica (diabete mellito di tipo 1)da circa 22 anni.Il mio diabete è stato scaturito (ma ovviamente era già presente in me) da una fusione tra una simpatica pertosse e gli orecchioni.Non vi sto a raccontare tutti i drammi della mia infanzia bla bla…

Attualmente ho un microinfusore insulinico da quasi un anno.Un cosettino che fa da pancreas che ho attaccato al corpo (tramite un ago)h24.

Non è stato facile abituarmi ma neanche così difficile!

Ovviamente il diabete ha poi fatto partire altri meccanismi a lungo andare.

Soffro quindi di NEUROPATIA.

DISFUNZIONI TIROIDEE

Ed ho una bruttissima RETINOPATIA DIABETICA per la quale sto facendo laser settimanali,fluorangio,e mi aspettano a settembre 3 operazioni :le due cataratte e una per il distacco della retina che ho avuto in questo ultimo mese.

Da un mese PERDIPIU’ ho anche un ascesso a canna di fucile nella guancia destra,che potrò risolvere solo con un operazione.

-_-

Vabbè un lazzaretto 😀

Quindi se ogni tanto non posto per qualche giorno sapete cosa sto facendo 😉

See ya

Porto fluviale – Il ristorante

Siete mai stati da porto fluviale a roma??!

Si trova a via del porto fluviale appunto,una traversa di via ostiense (facilmente raggiungibile dalla fermata metro piramide).

Questo il sito.

Qui trovate un documentario sul food design molto interessante (rai 5-trasmesso ieri pomeriggio 21/07/2013 su daysign).

Io l’ho amato.Le mie foto as usual 😉

Questo quello che trovi intorno

A me è piaciuto tanto il miniburgher alla carbonara *_*

Porto fluviale wtf?!?

Il porto fluviale di Roma sul Tevere era la principale via di rifornimento della Roma imperiale. Vi giungevano, da monte, i prodotti dell’Italia centrale, dell’Umbria e dell’Etruria; da valle, quelli transmarini che dal porto di Ostia venivano trasbordati dalle grandi navi da carico ai battelli fluviali. In quest’ultimo caso i battelli che risalivano il Tevere dovevano essere trainati da animali.

Il primo porto di Roma si trovava nella zona del Foro Boario (l’attuale piazza della Bocca della Verità), tra il Palatino e l’Aventino.

In età imperiale fu progressivamente smobilitato e quindi interrato man mano che, a partire dagli inizi del II secolo a.C., si provvide a costruire le banchine e magazzini dell’Emporium, il nuovo porto lungo le pendici meridionali dell’Aventino.

Scavi svolti nel XIX secolo hanno consentito di ritrovare numerosi reperti di questi porti fluviali. In particolare, a sud dell’Emporium venivano accatastati i cocci dei contenitori di terracotta adibiti al trasporto di generi alimentari (anfore olearie provenienti dalla Spagna meridionale e dall’Africa). Il cumulo crebbe tanto da assumere il nome di mons Testaceus (la collina dei cocci), da cui il nome del rione di Testaccio.

 

Puglia!!!

Ho passato l’ultimo week end in Puglia (Lecce)per un matrimonio.

Non amo particolarmente il Sud Italia ma la Puglia mi piace ed anche tanto!!!

Ne ho approfittato ed ho inserito nell’itinerario due mete (in realtà una perchè l’altra è stata improvvisata)da sogno (in my opinion!).

E’ stata una bella ammazzata ma sono tornata molto felice a casa ❤

Siamo partiti alle ore 5 di sabato 6 e siamo tornati alle ore 21 di domenica 7.

Cosa abbiamo fatto in cosi’ poche ore?!?

Siamo andati da Roma a Lecce,siamo stati al matrimonio (bellissimo!)completo di chiesa e mega ricevimento,abbiamo visitato il centro storico di Lecce,Alberobello (trulli *_*)e…………..CASTEL DEL MONTE!!!*_*

A presto con le foto ❤

Primo Maggio-Labor day

Giusto ieri mi chiedevo a quanti paesi fosse estesa la festa dei lavoratori,il primo maggio.

Quando ero in uk mi ricordo di non averla festeggiata e di aver dovuto spiegare ai miei colleghi cosa fosse…

Ho scoperto quindi che viene festeggiata in:

-Italia-Francia-Germania-Austria-Belgio-Olanda-Albania

-Spagna-Grecia-Russia-Ucraina-Cina-Cile-Slovenia

-Svizzera-Messico-Romania-Brasile-Macedonia-Turchia

Sappiamo tutti di cosa si tratta….ma le origini?

La festa ricorda le battaglie operaie, in particolare quelle volte alla conquista di un diritto ben preciso: l’orario di lavoro quotidiano fissato in otto ore .Tali battaglie portarono alla promulgazione di una legge che fu approvata nel 1867 nell’Illinois.

L’origine della festa risale ad una MANIFESTAZIONE organizzata negli Usa dai Cavalieri del lavoro  a Ny il 5 settembre 1882. Due anni dopo, in un’analoga manifestazione i Cavalieri del lavoro approvarono una risoluzione affinché l’evento avesse una cadenza annuale. Altre organizzazioni sindacali affiliate all’Internazionale dei lavoratori – vicine ai movimenti socialisti ed anarchici – suggerirono come data della festività il primo maggio.

Ma a far cadere definitivamente la scelta su questa data furono i gravi incidenti accaduti nei primi giorni di maggio del 1886 a Chicago e conosciuti come rivolta di Haymarket. Il 3 maggio i lavoratori in sciopero di Chicago si ritrovarono all’ingresso della fabbrica di macchine agricole McCormick. La polizia, chiamata a reprimere l’assembramento, sparò sui manifestanti uccidendone due e ferendone diversi altri. Per protestare contro la brutalità delle forze dell’ordine gli anarchici locali organizzarono una manifestazione da tenersi nell’Haymarket square, la piazza che normalmente ospitava il mercato delle macchine agricole. Questi fatti ebbero il loro culmine il 4 maggio quando la polizia sparò nuovamente sui manifestanti provocando numerose vittime, anche tra i suoi.

L’11 novembre del 1887 a Chicago (USA), quattro operai, quattro organizzatori sindacali e quattro anarchici furono impiccati per aver organizzato il PRIMO MAGGIO dell’anno precedente lo sciopero e una manifestazione per le otto ore di lavoro.

Il 20 agosto fu emessa la sentenza del tribunale: August Spies, Michael Schwab, Samuel Fielden, Albert R. Parsons, Adolph Fischer, George Engel e Louis Lingg furono condannati a morte; Oscar W. Neebe a reclusione per 15 anni. Otto uomini condannati per essere anarchici, e sette di loro condannati a morte. Le ultime parole pronunciate furono: Spies: “Salute, verrà il giorno in cui il nostro silenzio sarà più forte delle voci che oggi soffocate con la morte!” Fischer: “Hoch die Anarchie! (Viva l’anarchia!)” Engel: “Urrà per l’anarchia!” Parsons, la cui agonia fu terribile, riuscì appena a parlare, perché il boia strinse immediatamente il laccio e fece cadere la trappola. Le sue ultime parole furono queste: “Lasciate che si senta la voce del popolo!

L’allora presidente Cleveland ritenne che la festa del primo maggio avrebbe potuto costituire un’opportunità per commemorare questi episodi. Successivamente, temendo che la commemorazione potesse risultare troppo a favore del nascente socialismo, stornò l’oggetto della festività sull’antica organizzazione dei Cavalieri del lavoro. Pochi giorni dopo il sacrificio dei Martiri di Chicago, i lavoratori di Chicago tennero un’imponente manifestazione di lutto, a prova che le idee socialiste non erano affatto morte.

La data del primo maggio fu adottata in Canada nel 1894 sebbene il concetto di festa del lavoro sia in questo caso riferito a precedenti marce di lavoratori tenute a Toronto e Ottawa.

In Europa la festività del primo maggio fu ufficializzata dai delegati socialisti della Seconda Internazionale riuniti a Parigi nel 1889 e ratificata in Italia due anni dopo. La rivista La Rivendicazione, cominciava così l’articolo Pel primo Maggio: “Il primo maggio è come parola magica che corre di bocca in bocca, che rallegra gli animi di tutti i lavoratori del mondo, è parola d’ordine che si scambia fra quanti si interessano al proprio miglioramento”.

Il 1° maggio 1955 papa Pio XII istituì la festa di San Giuseppe lavoratore, perché tale data potesse essere condivisa a pieno titolo anche dai lavoratori cattolici.

La Festa dei Lavoratori in Italia 

Appena si diffuse la notizia dell’assassinio degli esponenti anarchici di Chicago, nel 1888, il popolo livornese si rivoltò prima contro le navi statunitensi ancorate nel porto, e poi contro la Questura. dove si diceva che si fosse rifugiato il console USA.

Tra le prime documentazioni filmate della festa in Italia, il produttore cinematografico Cataldo Balducci presenta il documentario Grandiosa manifestazione per il primo maggio 1913 ad Andria (indetta dalle classi operaie) che riprende la festa in sette quadri, e si può – così – vedere il corteo che percorre le strade affollate della Città: gli uomini, tutti con il cappello, seguono la banda che suona, con alcune bandiere.

In Italia la festività fu soppressa durante il ventennio fascista – che preferì festeggiare la Festa del lavoro italiano il 21 aprile in coincidenza con il Natale di Roma- ma fu ripristinata subito dopo la fine del conflitto mondiale,nel 1945.

Nel 1947 la ricorrenza venne funestata a Portella della Ginestra (PA), quando la banda di Salvatore Giuliano sparò su un corteo di circa duemila lavoratori in festa, uccidendone undici e ferendone una cinquantina.

Dal 1990 i sindacati confederali CGILCISL e UIL, in collaborazione con il comune di Roma, organizzano un grande concerto, rivolto soprattutto ai giovani: si tiene in piazza San Giovanni, dal pomeriggio a notte, con la partecipazione di molti gruppi musicali e cantanti, ed è seguito da centinaia di migliaia di persone, oltre a essere trasmesso in diretta televisiva dalla Rai.

Non commento quest’ultima manifestazione che è meglio…

🙂

Brighton

Oggi ho una voglia allucinante di andare a Brighton ❤

Queste le mie foto di luglio 2012

Questo due ore prima

*Brighton*

Brighton è una città di circa 156.000 abitanti situata sulla costa meridionale dell’Inghilterra nella contea dell’East Sussex. Insieme alle vicine città di Hove e Portslade, costituisce la Città di Brighton e Hove.

L’antico insediamento di Brighthelmston risale a prima del Domesday Book (1086), ma emerse come città dal clima benefico durante il XVIII secolo, divenendo una destinazione dei viaggiatori dopo l’arrivo della ferrovia, nel 1841. Brighton sperimentò un rapido aumento della popolazione, raggiungendo un picco di circa 160.000 abitanti nel 1961.[1] La Brighton moderna forma una parte di una conurbazione che si estende lungo la costa, con una popolazione di circa 480.000 abitanti.[2]

La città è visitata da otto milioni di turisti l’anno; Brighton conta due università e una scuola di medicina.

Brighton è una grande e frequentata stazione balneare, apprezzata per i suoi numerosi parchi, le piazze e le case in stile Reggenza. L’attività economica è diversificata e comprende la produzione di apparecchiature elettriche e la lavorazione del metallo.

Brighton è considerata la capitale dei Gay d’Inghilterra, annualmente vi si svolge il gay pride.

Nella città sorge il famoso Royal Pavilion, costruito negli anni tra il 1787 ed il 1820 come residenza per ilPrincipe del Galles, il futuro re Giorgio IV. Lo stravagante edificio in stile pseudo-orientale, acquistato dalla città di Brighton nel 1850, ospita oggi un museo e le vicine scuderie sono state convertite in una sala da concerti. La cittadina possiede, oltre al grande molo “Palace Pier” (costruito nel 1899), numerosi teatri emusei, un acquario, un ippodromo ed un grande porto turistico.

Vi era anche il molo West Pier, costruito nel 1866 e chiuso al pubblico nel 1975, ma è rimasto distrutto da un incendio nel 2003.

Nel 1896 a Brighton si instaurò la prima importante scuola del cinema inglese, la Scuola di Brighton.

Missing ❤