Loulou’s-London

Al 5 di Hertford Street, Mayfair, Sepherd Market, si trova il nuovo «place to be» di Londra. Aperto recentemente dal figlio d’arte Robin Birley, con un grande party in onore di sua madre, Lady Annabel Goldsmith Birley, Loulou’s è una fantastica miscela di locale notturno + bar + ristorante, che rinnova totalmente la stessa idea del classico club britannico e la adatta alle polimorfe esigenze delle nuove generazioni. Ad accogliervi all’ingresso del Madagascan Bar, una simpatica giraffa impagliata. Costato, pare, oltre 30 milioni di sterline, 4 sale da pranzo, vari bar, angoli per meditare o trattare affari, tanti ritratti realizzati dal nonno del proprietario, il pittore Sir Oswald Birley, Loulou’s possiede una corte interna con pezzi archeologici e un giardino segreto pieno di fiori vittoriani, e poi wallpaper sontuosi, velluti scarlatti, trompe-l’oeil opulenti, giochi di specchi, luci soffuse ed eccentriche trovate di décor ispirate ai Ballets Russes. Qui, come da anni accade all’Hotel Costes di Parigi, vi serviranno senza soluzione di continuità, a vostro piacere, la prima colazione, lunch, dinner & supper (lo chef è l’italiano Alberico Penati, assai famoso in quel di Londra e un tempo in forza presso il locale Harry’s Bar), ma troverete pure ambienti per danzare e trascorrere una notte eccitante fino alle ore piccole, insieme adhabitués come Mick Jagger, Kate Moss, Daphne Guinness, Jemima Khan e Bella Freud. Con una vera scommessa: Robin Birley ha affidato l’opera di invenzione stilistica e ornamentale del suo club al fashion designer turco Rifat Ozbek, alla sua prima (e riuscitissima) fatica come interior designer. D’altronde, buon sangue non mente. Robin infatti è figlio del notissimo Mark Birley, demiurgo del leggendario Annabel’s, dell’Harry’s Bar londinese e del Mark’s Club.